Si innamora di un carabiniere. Il boss al figlio: “Uccidi tua sorella”

Innamorarsi di un carabiniere? Inaccettabile per il boss mafioso a tal punto che aveva ordinato al figlio di uccidere la sorella.

È questo uno dei terribili retroscena che sono emersi dall’operazione dei Carabinieri di oggi in Sicilia, grazie alla quale sono stati arrestati 16 esponenti di spicco del mandamento di Bagheria, comune a pochi chilometri da Palermo.

Tutti i coinvolti sono accusati di associazione di tipo mafioso ed estorsione ai danni di imprenditori locali.

Il boss Pino Scaduto.

Tra di loro c’è Pino Scaduto che aveva decreto non solo la morte della figlia ma anche che il killer doveva essere il figlio.

Tua sorella si è fatta sbirra“, ha detto il boss al figlio.

Quest’ultimo, però, confidandosi a un amico, ha detto: “Io non lo faccio… io non faccio niente… mi devo consumare io? Consumati tu, io ho trent’anni, non mi consumo“.

Stando a quanto si apprende da PalermoToday, il boss Scaduto temeva che la relazione della figlia con il carabiniere avrebbe potuto creare problemi al suo progetto di ricostruire la cupola mafiosa.

Dalle intercettazioni, inoltre, è emerso che il boss avrebbe voluto uccidere anche il maresciallo di cui si era innamorato sua figlia.

Piani fortunatamente interrotti dal blitz dei Carabinieri del comando provinciale di Palermo ma che testimoniano quanto la mafia sia così crudele da prendersela anche con i propri familiari più stretti.