“Silvia Romano è una neo terrorista”, attacco del leghista Pagano alla Camera

Dure reazioni di Mara Carfagna. Immediato l’intervento di Matteo Salvini.

Tensione alla Camera dei Deputati. Alessandro Pagano, deputato siciliano delle Lega, ha definito Silvia Romano «la neo-terrorista». Pagano è stato ripreso dalla vicepresidente della Camera Mara Carfagna.

Immediata la reazione della vicepresidente della Camera Mara Carfagna che ha prima definito «improprio» e «inaccettabile» l’epiteto espresso in aula nei confronti della volontaria italiana.

Emanuele Fiano del Partito Democratico ha condannato quanto detto dal leghista, definendo le sue parole una «calunnia» nei confronti della ragazza che, invece, è stata tenuta prigioniera dai terroristi di Al Shabaab.

Pagano, illustrando un ordine del giorno al decreto Covid, ha criticato il governo perché al funerale di un poliziotto morto per il coronavirus non era presente con nessun proprio rappresentante, mentre, ha aggiunto, «quando è tornata una neo-terrorista, perché questo è El Shabaab, sono andati ad accoglierla».

LEGGI ANCHE: Silvia Romano, per Sgarbi andrebbe arrestata per concorso esterno in terrorismo.

La vicepresidente Carfagna ha subito ripreso Pagano e ha detto: «Evidentemente l’onorevole Pagano se ne assume la responsabilità». Ha protestato anche il deputato del PD Filippo Sensi che poi su Twitter, raccontando le parole del leghista, ha commentato così: «Il vomito».

Enrico Borghi, della Presidenza del Gruppo PD alla Camera, sempre su Twitter, ha scritto: «È  un’italiana! Non una neo-terrorista. L’onorevole Alessandro Pagano ha il dovere di chiedere scusa a Silvia Romano». «Sono solo dei vecchi razzisti e degli squallidi sessisti. Solidarietà a Silvia Romano», ha scritto sui social Matteo Orfini, parlamentare del Partito Democratico.

La reazione di Matteo Salvini su Facebook non si è fatta attendere: «Il problema non è Silvia Romano, una ragazza mandata allo sbaraglio, usata dai terroristi per ottenere soldi e armi, esibita velata alle telecamere di tutto il mondo da un governo incapace di gestire l’emergenza, prima sanitaria, oggi economica e sociale».

«Lasciamo stare Silvia, cui auguro vita lunga e felice, e guardiamo – ha aggiunto – al vero nemico, al vero pericolo per i nostri figli, per l’Italia, per il mondo, per la Libertà: l’Islam fanatico, integralista, violento, assassino. Nessuno spazio, nessuna tolleranza, nessuna pubblicità o sostegno a questi delinquenti che nel nome del loro Dio portano morte, buio e paura in tutto il mondo. Mai più cedimenti ai terroristi, mai più riscatti, mai più silenzi. Viva la Libertà. Sempre».

LEGGI ANCHE: Silvia Romano ‘neo terrorista’ e da impiccare: Pagano e Basso pensano di avere consenso così?