Sindaco vieta cibo ai gatti e ordina lo smantellamento del rifugio

Ad Arma di Taggia (Imperia) è diventata una questione di vita o di morte.

Tant’è che il primo cittadino è stato anche minacciato via Facebook.

Pomo della discordia, i gatti del locale rifugio.

Tutto è partito da una ordinanza dello scorso 5 ottobre con la quale il sindaco Mario Conio ordina “lo spostamento della colonia felina di via Borghi nell’area ad uso parcheggio sottostante il fabbricato che ospita l’asilo nido d’infanzia”. Non solo. Nello stesso documento si vieta di dare cibo ai gatti del rifugio.

La colpa dei felini sarebbe stata quella di aver fatto proliferare le pulci che sarebbero state trovate persino nel vicino asilo che è stato costretto a chiudere per alcuni giorni.

Per il primo cittadino di Arma di Taggia la priorità è la salute pubblica, nel dettaglio quella dei bambini. E così ha deciso per lo smantellamento che dovrebbe avvenire a breve. Nel frattempo ha vietato di dare cibo ai gatti perché così i felini saranno costretti ad allontanarsi da quel luogo per cercare da mangiare.

Com’era prevedibile, la decisione ha scatenato l’indignazione di tanti (c’è chi evidenzia che basterebbe una semplice profilassi parassitaria per risolvere il problema) sfociata anche in minacce via facebook e nei confronti delle quali Conio ha promesso di prendere provvedimenti.