Sinisa Mihajlovic insultato dagli hater del web: “Meriti la disgrazia che hai”

L’allenatore rosso-blu nonostante stia combattendo per la sua vita, non viene risparmiato dagli “odiatori seriali”

Sinisa Mihajlovic

L’ex calciatore Sinisa Mihajlovic è al centro dei riflettori purtroppo per l’annuncio della sua battaglia contro la leucemia. In questi mesi molto difficili, l’allenatore ha affrontato tutte le situazioni che gli si presentavano, con determinazione e coraggio, senza rinunciare ad allenare la sua squadra, il Bologna.

Nonostante i momenti di sconforto, le sofferenze derivate dai cicli di chemioterapia e infine il trapianto di midollo osseo, Mihajlovic è diventato un’icona di coraggio, da cui prendere ispirazione. Secondo quanto ha raccontato nell’intervista di Silvia Toffanin a Verissimo, l’allenatore ha iniziato una fase di guarigione. Dopo aver affrontato il trapianto di midollo e aver superato con successo il periodo più critico, l’ex calciatore ha detto che:

«Adesso ho ripreso anche ad allenarmi un pochino per tornare in forze, perché dopo 4 mesi senza fare niente e prendendo 17 pastiglie al giorno mi sono un po’ gonfiato».

Nonostante ciò che Mihajlovic ha dovuto affrontare, non è bastato per essere immune ai commenti degli “odiatori seriali”, anzi…proprio per la sua esposizione mediatica anche lui è finito del mirino degli hater.

Come è successo con Nadia Toffa, la nota iena morta il 13 Agosto 2019 a causa di un tumore aggressivo al cervello, anche l’allenatore rosso-blu è stato travolto dalla cattiveria degli hater. I commenti pieni d’odio sono nati dopo che Sinisa Mihajlovic ha reso pubblico il suo orientamento politico, per il quale hanno scritto:

«Meriti la disgrazia che hai».

E ancora:

«La chemio ti ha fatto danni cerebrali».

La solidarietà però non è tardata ad arrivare da parte dei fan, dai colleghi di lavoro, dal mondo della politica. Tra questi vi è ad esempio il cantante Giuseppe Povia che ha dedicato a Mihajlovic un post sui social:

View this post on Instagram

Ciao bambini salutate la mia rubrica NON NASCONDERTI Tema: LA CATTIVERIA, LA SINISTRA, IL SUCCESSO DELLA LEGA Siniša Mihajlović (allenatore Bologna) da tempo combatte la leucemia. È stato sotterrato di insulti per essere a favore della lega in Emilia Romagna. 'Malato', 'meriti la disgrazia che hai', 'la chemio ti ha fatto danni cerebrali'.. tanti commenti così. Va tutto contro la sinistra, spiego. Non è solo cattiveria, è un momento sociale stupido. Da una parte c'è uno che porta avanti le sue idee (Salvini) e ha sempre più consenso, dall'altra fanno campagna contro di lui mettendo i temi in 2º piano e questo lo fa salire, indipendentemente se vincerà o no in Emilia e in Calabria. Lui ha gli argomenti, forse solo chiacchiere ma dette bene. A sinistra (tv, giornali, satira, intrattenimento) non fanno altro che denigrare lui o chiunque, tornando a Mihajlović, si esprima in suo favore. Tutti alla gogna. I termini da stupidismo ideologico sono sempre: 'fascista razzista omofobo, populista', io ne so qualcosa. (es. luca era gay, immigrazìa, chi comanda il mondo etc). Così facendo però condannano la sinistra a perdere gente perchè un'elezione non si vince massacrando l'avversario ma mettendo le soluzioni in 1º piano. Insomma.. come fanno a non capire che anche la cattiveria su Micajilovic è il successo della lega? Allocchi, dilettanti e pieni di spirito (alcol intendo). Rubrica AAAdolescenza qui: https://www.youtube.com/watch?v=F1Wfp4DW3AQ&t=1s info Povia live 348.7623972 Instagram giuseppe povia

A post shared by Giuseppe Povia (@giuseppepovia) on

E ancora Roberto Calderoli che si è mostrato molto indignato per l’accaduto, dichiarando che:

«Anche la magistratura dovrebbe fare la sua parte, interessandosi a quanto accade sul web e sui social, perché non possiamo accettare che una pagina, SatirSfaction, attacchi Mihajlovic per la sua intervista in cui ha detto di tifare per Salvini e Lucia Borgonzoni e lo insulti con una frase terribile».

In merito a ciò ha anche parlato il vicepresidente leghista del Senato, dicendo le seguenti parole:

«A questo ci stiamo riducendo? Utilizzare una malattia per denigrare chi ha idee diverse? Spero davvero che la Polizia Postale e la magistratura intervengano».

LEGGI ANCHE: Chi è Sofia Resing, la modella fidanzata di Marco Borriello