Siria, Di Maio: “L’Unione Europea deve reagire con una sola voce”

Le parole del Ministro degli Esteri sulla situazione nel nord della Siria.

Non esiste un atteggiamento come quello della Turchia che pensa di minacciare l’Unione europea dicendo ‘vi mandiamo i migranti’. Siamo l’Ue, facciamo rispettare la nostra dignità di unione che hanno una storia e devono portare avanti i valori della pace e della diplomazia che è l’unica strada per risolvere tensioni, conflitti o crisi umanitarie. Mi auguro che l’Ue rispetto a questo atteggiamento della Turchia possa assumere delle misure“.

Così, a Foligno, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, parlando con i giornalisti.

Per me l’Europa deve reagire con una sola voce, questa voce può prevedere in futuro di continuare a elargire ulteriori risorse alla Turchia senza pretendere un comportamento corretto dal punto di vista internazionale? Il consiglio di lunedì deve uscire con una voce sola che deve dire chiaramente che non esiste lotta al terrorismo o lotta alle violenze con altre violenze“, ha aggiunto il leader del MoVimento 5 Stelle.

Di Maio poi si è detto contento perché anche gli USA stanno chiedendo alla Turchia di fermarsi.

Intanto, l’Olanda ha sospeso la vendita di armi alla Turchia. Analogo provvedimento è stato preso anche da Norvegia e Finlandia, mentre il ministro degli Esteri svedese, Ann Linde, ha annunciato che Stoccolma chiederà l’introduzione di un embargo Ue alla vendita di armi alla Turchia nella riunione dei ministri degli Esteri europei di lunedì a Lussemburgo.

Leggi anche: Il portavoce dei curdi in Italia: “Si rischia il genocidio”.

Da SaluteLab: Morta per tumore non diagnosticato, medico sotto processo.