Sito per tracciamento Covid-19, 17enne rifiuta 8 milioni di dollari

Ha messo in piedi uno strumento importantissimo in piena emergenza sanitaria, ma non vuole specularci sopra.

Avi Schiffmann
Avi Schiffmann

Il suo nome è Avi Schiffmann e ha creato un sito per il tracciamento del Covid-19 tra i più consultati al mondo. Il suo successo è tale da avere avuto una proposta di acquisto di ben 8 milioni di dollari. Lui, però, non accetta. E risponde così a chi pensa che stia facendo un grosso errore: «Ho solo 17 anni, non voglio diventare uno speculatore, ho altri piani per il futuro».

Il suo sito conta 30 milioni di utenti al giorno, ma l’offerta milionaria in cambio della sua idea non è l’unica a cui ha detto di no. Lo studente dello Stato di Washington, ha rinunciato anche a un impiego alla Microsoft e a investimenti pubblicitari. Alla stampa dichiara: «Molti mi dicono che rimpiangerò questa decisione, ma ho altri piani per il futuro». Sembra avere le idee chiare e nessun ripensamento.

Avi Schiffmann
Avi Schiffmann mostra come ha strutturato il proprio sito, costantemente aggiornato

LEGGI ANCHE: Vaccino anti-Covid: risultati positivi, ora la fase successiva

Da quando il suo sito è online, oltre 700 milioni di utenti unici lo hanno visitato. Con l’obiettivo di mantenere la propria indipendenza, ha preferito aprire una sottoscrizione volontaria, invece che accettare le proposte di potenziali inserzionisti pubblicitari. Il portale che ha creato è un luogo virtuale in cui confluiscono tutte le informazioni sul Coronavirus: un sito per il tracciamento del Covid-19, per l’appunto.

Il successo ottenuto ha costretto il 17enne a trascurare la scuola per tenere costantemente aggiornate le statistiche dei diversi Paesi. Una fonte dove reperire le mappe, il numero di decessi e quello dei contagi.

«Spero che in futuro strumenti come questo vengano creati direttamente dall’Organizzazione mondiale della Sanità. La responsabilità di creare questi ‘tool’ non dovrebbe essere di un ragazzino a caso, ma di persone che si occupano per lavoro di statistiche»: ha affermato qualche tempo durante un’intervista.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, nuove prove sull’origine naturale del SARS-CoV-2.