Solo gli uomini hanno il pomo d’Adamo? E cos’è?

Anche le donne hanno il pomo d’Adamo? Perché è più visibile negli uomini?

Se nell’immaginario comune il pomo di Adamo è un attributo tipicamente maschile, non lo è nella realtà. Infatti, anche le donne ne hanno uno ma è semplicemente meno pronunciato. Prima di capire perché, però, è necessario tornare al ruolo di questo pomo.

In termini scientifici, il pomo d’adamo è una prominenza laringea che fa parte della cartilagine tiroidea. Una struttura coinvolta nella formazione della laringe, a forma di farfalla, che funge soprattutto da scudo per proteggere le corde vocali.

Tuttavia, la cartilagine non è la stessa negli uomini e nelle donne: è molto più pronunciata nei primi. Ecco perché c’è l’impressione che una donna non abbia un pomo di Adamo.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Raoul Bova e Rocio volontari per la Croce Rossa.

La vera differenza tra gli uomini e le donne avviene al momento della pubertà. I ragazzi, nella fase della crescita, cominciano a produrre più ormone maschile: il testosterone. È quest’ultimo che spinge diverse parti del corpo a crescere, che fa crescere i peli e rende più ‘dura’ la voce.

A questo punto della vita, anche la cartilagine tiroidea si allunga e, durante questa fasce, scende leggermente e finisce in una regione del collo più sottile. Nelle ragazze, invece, perché producono altri ormoni durante la pubertà, la cartilagine non si espande e resta in una posizione più alta nel collo (e meno spessa). Ecco, quindi, perché il pomo di Adamo è più visibile negli uomini che nelle donne.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il virologo Andreoni: “È meglio andare in montagna che al mare”