“Sono troppo negativi”, 19enne mette LSD nel caffè e nell’acqua dei suoi colleghi

"Sono troppo negativi", 19enne mette LSD nel caffè e nell'acqua dei suoi colleghi

Un giovane è stato arrestato dalla Polizia perché ha messo dell’LSD – una droga allucinogena – nel caffè e nell’acqua destinati a tre suoi colleghi.

È successo ad Arnold, nel Missouri, negli Stati Uniti d’America: l’uomo, impiegato di 19 anni presso una società di noleggio, è stato arrestato.

Le indagini sono partite quando i sanitari sono intervenuti per soccorrere i destinatari della droga che lamentavano vertigini e allucinazioni senza sapere il motivo. Il 19enne, invece, era l’unico che stava bene nella stessa stanza in cui lavoravano anche gli altri tre. Quindi, non è stato difficile per la Polizia alimentare immediati sospetti su di lui.

"Sono troppo negativi", 19enne mette LSD nel caffè e nell'acqua dei suoi colleghi

Il giovane, infatti, ha confessato quanto commesso, ovvero aver sciolto la droga sintetica in due bottiglie d’acqua e in una tazza di caffè, dando anche una spiegazione: “Avevano troppa energia negativa“. Insomma, il 19enne voleva fare un favore ai suoi colleghi, facendoli stare ‘meglio’.

Ora, però, il giovane statunitense rischia l’accusa di possesso della sostanza stupefacente e di aggressione di secondo grado.

Leggi anche: le regole per un cappuccino perfetto.