Sopravvive al cancro dopo 30 cicli di chemioterapia, ora aspetta un bambino contro ogni probabilità

La storia della brasiliana Flava Flores (e dell’americana Sarah Murray).

Per molti una diagnosi di cancro sembra una condanna a morte. Ed è particolarmente difficile per le donne con un tumore alle ghiandole mammarie: anche quando la malattia è guarita, una mastectomia può, comunque, avere un forte impatto psicologico.

Come raccontato da Fabiosa.com, Flavia Flores era una modella brasiliana. Ha dovuto, infatti, abbandonare la sua carriera all’età di 35 anni quando le è stato diagnosticato un cancro al seno. Inoltre, dopo una mastectomia, è stata lasciata dal suo fidanzato.

Flavia, però, non si è arresa. Ha scelto di combattere e di aiutare gli altri. La donna è diventata rapidamente una blogger e ha creato Quimioterapia e Beleza, un sito dedicato a vari tipi di cancro.

Due anni dopo l’inizio della sua lotta, Flavia ha pubblicato il suo primo libro e nel 2015 ha fondato l‘Istituto di chemioterapia e bellezza che ha riunito specialisti volontari altamente qualificati.

Sebbene Flavia si sia sottoposta a 30 cicli di chemioterapia e 28 sedute di radioterapia, non ha rinunciato alla speranza di diventare madre. Il trattamento ha avuto ripercussioni pesanti sul sistema riproduttivo della donna ma a 41 anni è rimasta incinta.

Molte donne hanno paura di partorire dopo una battaglia con il cancro al seno perché si ritiene che chi ha figli diventi più vulnerabile.

Nel 2013, a tal proposito, la malattia ha cambiato i piani di una giovane americana, Sarah Murray. Si stava preparando per il matrimonio e sognava di avere figli quando le è stato diagnosticato un cancro.

La donna ha affrontato la malattia ma ha rallentato l’idea di diventare madre per paura di una ricaduta. Tuttavia, non ha lasciato che la sua paura avesse la meglio su di lei. Ha dato alla luce un maschio e spera ora di dimostrare che la maternità non è una minaccia per chi ha combattutto contro il cancro.

La medicina moderna fa passi da gigante e offre una possibilità di sopravvivenza a tante persone. Le esperienze di Flavia e Sarah dimostrano che i ‘miracoli’ accadono e speriamo che entrambe le donne possano godere della bellezza della maternità senza conseguenze negative per la loro salute.

Leggi anche: Genitori, gli errori da evitare con i figli.

Seguici anche su Google News: