Sparatoria a Trieste: due poliziotti uccisi da due fratelli dominicani

Le vittime: il 31enne Matteo Demengo e il 34enne Pierluigi Rotta.

Due agenti di polizia sono rimasti uccisi in una sparatoria all’interno della questura di Trieste, mentre un terzo è stato ferito alla mano.

È successo nel pomeriggio. Le vittime: Matteo Demenego aveva 31 anni ed era originario di Velletri, in provincia di Roma. Pierluigi Rotta aveva 34 anni ed era originario di Pozzuoli, in provincia di Napoli.

Matteo Demenego

Gli aggressori sono due fratelli di Santo Domingo, di 29 e 32 anni, che erano stati portati in questura per accertamenti relativi a una rapina avvenuta alcune ore prima.

I due dominicani, Alejandro Augusto Stephan Meran e Carlysle Stephan Meran, hanno chiesto di poter andare in bagno e, come è prassi quando si tratta di fermati, sono stati accompagnati dagli agenti.

Pierluigi Rotta
Pierluigi Rotta

Improvvisamente è nata una colluttazione: uno dei due malviventi, pare il più giovane, è riuscito a prendere la pistola a uno dei poliziotti e ha cominciato a sparare, colpendo i due agenti e ferendoli a morte, ferendone un terzo alla mano, in modo lieve, prima di essere bloccato con il fratello.

Il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, ha proclamato il lutto cittadino mentre il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, che ha lasciato in fretta Udine dove stava partecipando a un convegno, ha fatto sapere che l’intera regione “si stringe attorno alle famiglie dei due agenti uccisi e si unisce al lutto cittadino proclamato dal sindaco di Trieste”.

Immediatamente sono partiti da Roma il capo della polizia, Franco Gabrielli, con il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato al Capo della Polizia. questo messaggio: “Ho appreso con profonda tristezza la notizia della barbara uccisione dell’agente scelto Matteo De Menego e dell’agente Pierluigi Rotta, feriti mortalmente presso la Questura di Trieste mentre erano impegnati in una operazione di servizio. In questa dolorosa circostanza, desidero esprimere a lei ed alla Polizia di Stato la mia solidale vicinanza, rinnovando i sentimenti di considerazione e riconoscenza per il quotidiano impegno degli operatori della Polizia al servizio dei cittadini. La prego di far pervenire ai familiari degli agenti le espressioni della mia commossa partecipazione al loro dolore“.

Il premier Giuseppe Conte su Twitter: “La morte dei due agenti di Polizia uccisi nella sparatoria davanti alla Questura di Trieste suscita grande dolore. Questa tragedia ferisce lo Stato. A nome mio e del Governo esprimo la commossa vicinanza ai familiari delle vittime e a tutto il corpo della Polizia di Stato“.