Quando sposerà Harry non potremo chiamarla principessa Meghan. Ecco perché

Da ieri non si fa altro che parlare del matrimonio tra il principe Harry e la bella modella e attrice statunitense Meghan Markle.

I due pronunceranno il fatidico sì nel 2018 ma, nonostante ciò, quando parleremo di Meghan, non potremo mai chiamarla principessa.

Il motivo? La risposta brutale è che, secondo gli standard del protocollo reale britannico, l’ex star di Hollywood non ha sangue reale.

Di conseguenza, Meghan dovrà seguire l’esempio della sua futura cognata.

Sì, perché quando Catherine Middleton e il principe William furono dichiarati marito e moglie nel 2011, la donna divenne automaticamente sua Altezza Reale, la principessa William del Galles.

Di conseguenza, una volta sposata, Meghan diventerà, a sua volta, la principessa Harry del Galles.

Ufficialmente, quindi, non leggeremo mai la principessa Kate e lo stesso varrà per Meg.

 

Avere sangue reale, invece, significa avere una discendenza reale. Ad esempio, si poteva benissimo parlare di principessa Margaret quando si menziona la defunta sorella della regina Elisabetta. Allo stesso modo, la figlia della regina è la principessa Anna e le sue nipotine sono la principessa Beatrice e la principessa Eugenia.

Sarah Ferguson, invece, non è mai stata la principessa Sarah e Sophie Rhys-Jones (la moglie del principe Edward) non è la principessa Sophie.

E Lady Diana Spencer?

Già, neanche lei è mai stata ufficialmente la principessa Diana. Era la principessa del Galles e, dopo il divorzio dal principe Carlo, era Diana, la principessa del Galles. Insomma, il nome era slegato dal titolo.

Curioso, vero?