Spruzza acqua santa dalla pistola ad acqua: così un sacerdote di Detroit mantiene le distanze

Il reverendo Timothy Pelc, a Pasqua, ha ‘sparato’ agli automobilisti di passaggio, diventando popolare online.

Spruzza acqua santa dalla pistola ad acqua
Timothy Pelc

Un prete cattolico spruzza acqua santa dalla pistola ad acqua. Non rinuncia alla sacralità delle funzioni religiose, ma trova un modo innovativo per non mettere in pericolo i fedeli. Un gesto molto apprezzato all’indomani di un possibile contagio, ai danni di 180 persone, da parte di un soggetto positivo al Coronavirus e presente in Chiesa.

Le foto, pubblicate sui social dalla chiesa di Sant’Ambrogio, mostrano il reverendo Timothy Pelc che spara acqua contro il finestrino di una macchina che passa. Munito di maschera, visiera e guanti in lattice ha dato la propria benedizione in modo atipico, ma intelligente ed efficace (almeno per chi crede).

It’s an internet law: once a post or photo about you goes viral, you must end up in a meme. Now it’s happened to Fr….

Pubblicato da St. Ambrose Parish su Venerdì 15 maggio 2020

LEGGI ANCHE: Piero Chiambretti sul Coronavirus: “Gli angeli che mi hanno salvato la vita”

Sono state scattate a Pasqua, ma sono diventate virali e hanno ispirato diversi meme online. Uno mostra il prete di 70 anni all’inferno che combatte il diavolo. Pelc si dice un po’ preoccupato per come il Vaticano potrebbe reagire alla vista di queste foto e informa di non avere avuto ancora nessun tipo di riscontro.

La chiesa e le comunità circostanti hanno preso sul serio la pandemia, ha raccontato il prete che spruzza acqua santa dalla pistola ad acqua. I parrocchiani hanno persino legato alcuni nastri blu sugli alberi della chiesa per ricordare ogni persona rimasta vittima del Coronavirus nel Michigan. Secondo gli ultimi dati, un numero vicino a 5 mila, purtroppo.

nastri blu

LEGGI ANCHE: Ordina il primo caffè del lockdown al bar e lascia 50 euro: “Tieni pure il resto”

Alla domanda sui dimostranti armati che hanno manifestato contro le misure restrittive del Governo, Pelc ha detto che non rispettano lo spirito collaborativo della comunità. Spera che certi episodi non si ripetano.

Il reverendo vorrebbe tornare presto a celebrare messa, ma ha difficoltà a trovare fedeli che possano aiutarlo a organizzare i locali in maniera tale da garantire il distanziamento sociale. «La gente dice che non vuole ancora uscire. C’è ancora molta paura là fuori e non li biasimo»: ha detto uno dei preti più rivoluzionari a tempi del Covid-19 negli Stati Uniti.

LEGGI ANCHE: Non è il momento di festeggiare ma di prepararci alla seconda ondata.