Stalker in manette: perseguitava la ex con le pizze

È finito in carcere con l’accusa di stalking. Ma si tratta di uno stalker davvero sui generis quello protagonista di questa storia.

Teatro della vicenda Calusco D’Adda, in provincia di Bergamo.

Lui è un uomo di 46 anni. Come nella maggior parte dei casi di stalking, non aveva accettato la fine della relazione con una donna. Per questo motivo aveva iniziato a perseguitarla ed era stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Non contento il 46enne aveva deciso di continuare a dare il tormento alla ‘amata’, ma non potendo uscire di casa per seguirla e incontrarla, ha pensato bene di adottare una strategia ‘alternativa’. Oltre alle classiche telefonate, l’uomo aveva deciso di far recapitare a casa della donna e dei suoi familiari residenti sia nel bergamasco che in Calabria, una serie di oggetti acquistati in diversi negozi e anche un centinaio di pizze da asporto.

L’uomo è stato arrestato per stalking: gli atti compiuti, infatti, sono da considerarsi veri e propri atti persecutori a causa della loro ripetitività e del modo ossessivo con cui sono stati effettuati.