Stefania Pezzopane contro il Grande Fratello 15

La Senatrice non ne può più. Stefania Pezzopane è sbottata sulle pagine della rivista ‘Oggi’. T

Tutta colpa del fidanzato. O meglio, del cicaleccio riguardo la presenza di Simone Coccia al ‘Grande Fratello’.

Ad infastidire la Senatrice è il fatto che su media e social non si faccia altro che parlare del compagno mettendolo in cattiva luce.

Non immaginavo affatto – ha dichiarato – che la trasmissione ‘Grande Fratello’ usasse, strumentalmente e in modo così morboso, la mia storia d’amore per raccontare l’esperienza di Simone nella casa. Stanno facendo di tutto per sottolineare certi aspetti del suo carattere nella speranza, forse, che io mi infastidisca. Purtroppo hanno fatto male i loro conti: conosco molto bene Simone e lui dentro si comporta come meglio crede. Fa quello che ritiene opportuno. Ci ha pensato molto prima di accettare questa sfida professionale. Prima che entrasse nella Casa gli ho dato una sola e unica raccomandazione: stai attento alle trappole”.

https://www.instagram.com/p/BhlJaMJlWwP/?taken-by=stefaniapezzopane

Ma a quanto pare le seccature sono pane quotidiano per la Pezzopane che ha rivelato di aver dovuto fare i conti con i pregiudizi fin dall’inizio della sua storia d’amore con l’ex spogliarellista.

Quando ho iniziato a frequentare Simone – ha raccontato – mi sono sentita un po’ sola: la gente e molti colleghi politici mi sono stati vicini, mentre le persone che mi conoscono meglio e alcuni amici si sono allontanati. Hanno preferito giudicare i miei sentimenti con un moralismo gratuito, sorprendente ed esasperato. Hanno pensato che fossi impazzita. Hanno svilito i miei sentimenti, pensando che fosse una storia di sesso. Si sono vergognati di continuare a frequentarmi perché Simone ha un modo di essere che, secondo loro, non è compatibile con il mio ambiente. La cosa mi ha ferito parecchio anche perché io non mi sono mai permessa di commentare o giudicare negativamente le vite degli altri. Sono una donna libera: difendere questo amore per me è diventata una scelta e, se permette, anche una battaglia politica”.