Stefania Pezzopane e Simone Coccia dalla D’Urso in difesa del loro amore

Ospiti di Barbara D’Urso, ecco cosa hanno risposto durante il gioco degli ‘sferati’.

La loro storia d’amore, fin dall’inizio, è sempre stata al centro dell’attenzione del gossip e degli internauti. L’amore fra l’ex spogliarellista Simone Coccia Colaiuta e l’Onorevole Stefania Pezzopane non ha mai convinto. Sul banco degli imputati ci è sempre finito lui, accusato di stare con la donna solo per interesse. Accuse ovviamente smentite da entrambi gli interessati, come è accaduto nella puntata di ieri di ‘Live – Non è la D’Urso’.

La coppia si è infatti sottoposta al gioco degli sferati. La prima da questione che i due hanno dovuto affrontare è stata quella relativa al presunto tradimento di lui con Lucia Bramieri. Tempo fa i due ex inquilini del GF erano stati pizzicati in auto al termine di una festa mentre si baciavano. “Non ho mai tradito Stefania. Lucia Bramieri? Le voglio bene ma non è successo niente, lei lo sa!” ha rimarcato il giovane.

LEGGI ANCHE: Natalia Titova dalla Balivo: “La mia malattia è peggiorata”.

Poi, alla domanda diretta di Riccardo Signoretti in merito alla ‘autenticità’ del loro rapporto, a rispondere è stata l’Onorevole.

A me – ha detto – non disturba essere conosciuta per una storia d’amore. Sono fiera di essere conosciuta per la mia relazione d’amore con Simone, ma sono certa di essere conosciuta anche per la mia attività politica. Io non credo che a ridosso del 2020 si possa giudicare una coppia in maniera critica per le differenze fisiche. Ma dove siamo? Dove vogliamo arrivare? Io credo che ci siano dei piedistalli di carta che di fronte alla stabilità di una coppia poi crollano e rimanete con la banalità della normalità. Non bisogna vivere la vita degli altri ma la propria vita!”.

LEGGI ANCHE: Consigli utili per i genitori: cosa fare e non fare con i propri figli.

Poi, alla domanda di Simona Izzo “Ami quest’uomo per istinto materno?”, ecco cosa ha risposto la Pezzopane: “Io non devo salvare nessuno. L’obiettivo, quando ho incontrato Simone, non era di salvarlo ma di conoscerlo. Poi l’ho conosciuto, ci siamo piaciuti, il nostro è un rapporto di reciprocità”.

Da SaluteLab: La polmonite uccide un bambino ogni 39 secondi.