Strage Erba, Rosa Bazzi alle Iene: “Ho visto una persona prima dll’omicidio”

Dal carcere di Bollate, Rosa Bazzi ha rilasciato una intervista alle Iene con la sua versione dei fatti.

Non siamo stati noi due. Non hanno svolto bene il lavoro che hanno fatto”.

Rosa Bazzi lo ha ribadito dal carcere di Bollate (Milano) dove sta scontando l’ergastolo con il marito Olindo per la strage di Erba in cui l’11 dicembre del 2006 furono uccisi Raffaella Castagna, il figlio Youssef Marzouk, la madre Paola Galli e la vicina di casa Valeria Cherubini.

Lo ha detto in tv alle Iene Antonino Monteleone e Marco Occhipinti a poche ore dalla notizia della richiesta da parte di Azouz Marzouk di riaprire l’inchiesta sulla morte di moglie e figlioletto perché convinto dell’innocenza dei coniugi Romano: “Io so chi è stato – ha dichiarato – ma devo avere le prove”.

Intanto Rosa, colpevole secondo tre sentenze, ha puntato il dito contro le indagini e quei reperti mai analizzati e in parte andati distrutti lo scorso luglio subito dopo l’ok della Cassazione alla loro valutazione.

Come mai – ha chiesto la donna alle Iene – spariscono le cose adesso che potevano andare a controllarli allora…perché devono sparire reperti che non hai niente da tenere nascosto, lasciali, così se c’è la mia impronta avete da dire siete stati voi basta, chiudiamo il discorso, chiudiamo tutto, basta…”.

Rosa ha poi raccontato di aver visto un uomo nei pressi del luogo del delitto poco prima della strage.

Gliel’ho detto anche ai carabinieri – ha dichiarato davanti alle telecamere – perché quando siamo usciti noi abbiamo visto un signore, però non ci hanno neanche ascoltato. Noi abbiamo visto un signore, con una borsa in mano, aveva un giaccone e un cappello. È entrato nella corte, è entrato nella porta con un sacchetto di plastica”.

Infine, incalzata dalla Iena che le ha chiesto se avesse un’idea sull’identità dell’assassino, la donna ha così risposto: “Bisogna vedere le amicizie che aveva Marzouk e bisogna vedere le amicizie che aveva la Raffaella. Quando hai le amicizie di roba di droga o spacci quelle cose lì… non è che sono delle persone che… son bravi… no?”.

Leggi anche: Strage di Erba, Azouz: “So chi ha ucciso mia moglie e mio figlio”.

Seguici anche su News Republic. Scarica l’APP, è gratis: