Suona al carcere di Vicenza: “Posso entrare? C’è caldo fuori…”

Nella notte tra giovedì e venerdì, intorno alle 3, un giovane ha suonato il campanello di un carcere perché voleva stare al fresco, nel senso letterale del termine, perché fuori c’era troppo caldo.

È successo a Vicenza.

Victor Sirbu, 29enne, moldavo, condannato dal mese di luglio per furto ai domiciliari, con permesso di uscita, ha chiesto al personale del carcere di San Pio X di entrare nell’istituto perché a casa sua faceva troppo caldo.

La Polizia Penitenziaria, dopo un attimo di sbandamento per la strana richiesta, ha accontentato il giovane.

Tuttavia, come si legge su VicenzaToday.it, Victor convince con la compagna e si pensa che abbia preferito di stare in cella piuttosto che con lei. Meglio in prigione che una convivenza che è diventata complicata?