Svolta nell’omicidio di Noemi Durini: spunta un video

Svolta nell’omicidio della 16enne Noemi Durini, uccisa dal fidanzato reo confesso.

Il ragazzo, infatti, avrebbe agito da solo, come dimostrerebbe un video proveniente da una telecamera di sicurezza di una villa che si affaccia sull’ingresso dell’uliveto dov’è stato trovato il cadavere di Noemi il 13 settembre scorso.

Nelle immagini, a quanto si è appreso, si vede la FIAT 500, con a bordo i due fidanzati, arrivare sul posto poco prima dell’alba del 3 settembre. Dopo un po’, l’auto si allontana (e sarà l’unica a farlo in quella notte).

La vettura guidata dal minorenne, tra l’altro, è stata ripresa nella notte dell’assassinio da tutte le telecamere posizionate lungo il tragitto percorso, fino alla casa di Montessardo di Alessano, poco dopo le 7.

Il 17enne, quindi, appare sempre da solo.

Importanti prove che confermano la tesi sostenuta dallo stesso ragazzo, ovvero che è stato l’unico autore dell’assassinio, per cui si trova in carcere con l’accusa di omicidio premeditato.

Di conseguenza, viene meno l’accusa del padre di Noemi che, alcuni giorni fa, ha dato la colpa dell’omicidio della figlia al padre del fidanzato.