Tapiro ad Alberto Matano dopo le parole della Cuccarini: “Maschilista? Vorrei che rispondesse mia madre!”

Il conduttore de La Vita in Diretta è stato raggiunto da Valerio Staffelli.

Alberto Matano, conduttore de La Vita in Diretta, è stato raggiunto da Valerio Staffelli, che gli ha consegnato un tapiro. Il motivo? Le parole pronunciate dalla ex compagna di viaggio nel programma Rai Lorella Cuccarini.

La conduttrice, che in questi giorni ha raggiunto l’importante traguardo dei 35 anni di carriera, intervistata da Silvia Toffanin nel corso della puntata di Verissimo di sabato 10 ottobre non le ha certo mandate a dire all’ex collega.

Dopo la lettera in cui aveva definito Matano “maschilista dall’ego smisurato”, intervistata dalla compagna di Piersilvio Berlusconi la Cuccarini ha respinto le accuse di chi ha parlato di lei come di una professionista che ha pugnalato alle spalle un collega.

Se c’è stata una pugnalata, l’ha presa un’altra persona. Le voci vogliono raccontarti così come tu non sei. Dopo 35 anni, credo di non dover dimostrare nulla, sono sempre stata una donna libera e la mia vita professionale lo ha dimostrato.

Parlando della lettera, la Cuccarini, sempre in occasione dell’intervista alla Toffanin, l’ha definita un giusto chiarimento con i suoi collaboratori, descrivendo Matano come una persona che faceva il migliore amico, salvo avere “un piano dietro le quinte”.

LEGGI ANCHE: Alberto Matano: chi è la fidanzata del giornalista e conduttore?

La risposta di Matano

Raggiunto da Valerio Staffelli, Matano, che attualmente conduce da solo La Vita in Diretta, ha risposto alle accuse dell’ex collega.

Non me lo aspettavo. Le pugnalate? Non ho nulla da dire. Sono una persona trasparente.

Nel momento in cui Valerio Staffelli gli ha fatto presente che alcuni suoi colleghi pensano che abbia delle conoscenze molto in alto per via della sua presenza in diversi e importanti spazi Rai – La Vita in Diretta Ballando con le Stelle – Matano ha replicato così:

Ho cominciato a lavorare in Rai a 25 anni. Ho fatto un concorso e tanta gavetta. La storia professionale di ognuno parla per noi, ognuno ha conoscenze e amici. Se sono maschilista? Vorrei che rispondesse mia madre.

LEGGI ANCHE: Scherzo pericoloso in una scuola: matita messa sotto il sedere di uno studente