Televisori e decoder: arriva il Bonus TV, ecco per chi è previsto lo sconto

Pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto attuativo del cosiddetto Bonus TV.

Pubblicato ieri – lunedì 18 novembre – sulla Gazzetta ufficiale il decreto interministeriale Mise – Mef che disciplina le modalità per l’erogazione dei contributi a favore dei cittadini per l’acquisto di televisioni e decoder di nuova generazione, al fine di supportare la transizione del sistema radiotelevisivo verso la nuova tecnologia Dvbt-2/Hevc.

Per la misura, che rientra nell’ambito delle azioni messe in campo dal Ministero dello Sviluppo Economico per accompagnare il processo di trasformazione digitale del settore Tv, sono state stanziate nella legge di Bilancio 2019 risorse finanziarie pari a circa 150 milioni di euro.

Gli utenti beneficiari del bonus Tv, che avrà un valore fino a 50 euro, saranno le famiglie con reddito Isee fino a 20.000 euro.

Il contributo sarà disponibile dal 18 dicembre 2019 al 31 dicembre 2022, anno in cui si concluderà il processo di transizione alle reti digitali terrestri in Dvbt-2, e sarà riconosciuto sotto forma di sconto praticato dal venditore dell’apparecchio sul relativo prezzo di vendita.

La misura, specifica il ministero, «rientra nell’ambito delle numerose azioni messe in campo dal Mise per accompagnare il processo di trasformazione digitale del settore Tv». Gli stanziamenti derivano dalla legge di Bilancio 2019, che prevedeva per il bonus risorse finanziarie pari a circa 150 milioni di euro.

LEGGI ANCHE: Black Friday: cos’è, gli sconti e consigli.

COS’È LA TECNOLOGIA DVBT-T2/HEVC

La sigla DVB-T2 – come si legge su Monclick.it – indica la seconda generazione dello standard di trasmissione televisiva digitale, il successore della tecnologia DVB-T.

Questo nuovo passaggio tecnologico è diventato necessario dopo che la Commissione Europea ha deciso di liberare la banda di trasmissione dei 700 MHz, che comprende le frequenze tra 694 e 790 MHz, per assegnarle alle telecomunicazioni mobili 5G per smartphone e tablet.

Il continuo sviluppo della telefonia ha, infatti, reso necessario trovare nuovi canali e queste frequenze sono particolarmente adatte a penetrare all’interno degli edifici e ad aggirare gli ostacoli architettonici.

Grazie a questa nuova generazione si potrà assicurare una maggiore qualità visiva e sonora per i contenuti in alta definizione, dal Full HD all’Ultra HD 4K.

Il codec HEVC supporta, infatti, immagini in definizione ultra alta, HDR (High Dynamic Range Imaging) e in 3D, fino a 8192×4320 pixel.

LEGGI ANCHE: Addio al bollo auto: nuova tassa in arrivo dall’Unione Europea.