Tenta di strangolare il cane dell’ex ragazza: la polizia lo arresta (VIDEO)

Questo atto ignobile e meschino è accaduto in Louisiana, negli Stati Uniti.

tenta di strangolare cane ex ragazza

La polizia arresta un uomo, se così può essere definito, che viene ripreso mentre tenta di strangolare il cane dell’ex fidanzata. Il documento che prova quanto accaduto ha fatto rapidamente il giro del web, fino ad arrivare al dipartimento di Slidell.

Il fatto risale a domenica 10 maggio, quando Shane Michael Mitchell, 30 anni, si presenta davanti alla porta della casa dove vive la sua ex fidanzata. A seguito di una discussione, che forse non ha portato ai risultati sperati, l’uomo afferra il povero animale per il collo e lo solleva.

Il video dimostra come la ragazza gli chieda di fermarsi, di non accanirsi contro il suo povero amico a quattro zampe. «Ho chiamato la polizia»: si sente dire singhizzando. E ancora: «No! No! Fermati!».

L’uomo che tenta di strangolare il cane dell’ex fidanzata sembra determinato ad andare fino in fondo, non dimostra alcuna pietà. Pare che poi si allontani, portando con sé la povera vittima indifesa.

Grazie a una soffiata, la polizia riesce però a individuare il luogo dove si nasconde, gli agenti in borghese così intervengono e lo arrestano prima che possa fare di nuovo del male a qualcuno.
Per fortuna il piccolo Rubyjean è stato trovato in buone condizioni di salute ed è potuto tornare dalla sua padrona, che era tanto in pena per le sue sorti.

Mamma gatta va in ospedale: salva il suo cucciolo malato

LEGGI ANCHE: Mamma gatta va in ospedale: salva il suo cucciolo malato

Immagini crude, difficili da guardare, quelle del video che è diventato virale sui social. «Mi è venuto un gran senso di nausea, guardando quelle riprese. Come si possa fare del male a un povero animale indifeso va oltre ogni mia capacità di comprensione»: ha detto Randy Fandal, capo della polizia di Slidell.

E poi ha aggiunto: «Ho rivisto Rubyjean questo pomeriggio, ed è stata dolce e ben educata. Siamo contenti che questa brutta storia abbia avuto un lieto fine, sia per il cane che per la ragazza”.
Adesso Mitchell dovrà rispondere di maltrattamenti sugli animali. Inoltre, si dovrà accertare che questo sia stato l’unico episodio di violenza. Gli investigatori non hanno intenzione di concedergli sconti o attenuanti.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, le zanzare possono trasmettere il Covid-19?