Terapia israeliana contro il Coronavirus: sopravvivenza del 100%

È stato testato anche su un paziente americano.

terapia israeliana contro coronavirus

La terapia israeliana contro il Coronavirus è arrivata negli Stati Uniti dopo che la Pluristem Therapeutics Inc., una società biotecnologica con sede a Haifa, in Israele, ha fatto sapere che sette pazienti ad alto rischio di decesso sono sopravvissuti grazie a questo farmaco sperimentale.

Erano inseriti in un programma che prevedeva la somministrazione per uso compassionevole, presentavano i sintomi tipici dell’insufficienza respiratoria ed erano ricoverati nel reparto di terapia intensiva . Quattro di essi, poi, hanno patologie che colpiscono diversi organi (renali e cardiache incluse).

Coronavirus Israele
Il trattamento si basa sulla somministrazione delle cellule PLX

LEGGI ANCHE: Anthony Fauci: se Trump lo licenzia, lo assume l’Italia

Sono stati trattati con cellule PLX, capaci di interrompere o invertire l’iperattività del sistema immunitario che spesso causa il decesso nei pazienti affetti da Coronavirus. Una volta nella lotta alla seconda pandemia del nostro secolo.

Un paziente in pericolo di vita a causa del Covid-19, e ricoverato all’Holy Name Medical Center nel New Jersey, è stato sottoposto alla stessa terapia israeliana contro il Coronavirus e si attendono i risultati.

Adesso la Pluristem sta pensando di passare rapidamente a un programma di sviluppo clinico. Aspetta l’intervento dell’ EMA (European Medicines Agency) e della FDA (Food and Drug Administration) per i finanziamenti e l’approvazione dei protocolli. Intanto riceve molte richieste affinché il farmaco sia sperimentato in maniera più ampia.

«Parallelamente alla nostra sperimentazione clinica pianificata, prevediamo di continuare a curare i pazienti secondo le direttive volte a un uso compassionevole, attraverso le autorizzazioni regolamentari appropriate negli Stati Uniti e in Israele, nonché di espandere il trattamento ad altri paesi»: ha dichiarato Yaky Yanay, CEO e Presidente di Pluristem

L’obiettivo è quello di avviare una sperimentazione clinica che coinvolga più nazioni, affinché si sviluppi presto una cura sicura per sconfiggere il Coronavirus.Notizie queste che fanno sperare che una soluzione sia all’orizzonte.

LEGGI ANCHE: Scuola, la ministra Azzolina: “Non si torna in classe”.