Terremoto in Sicilia orientale: magnitudo 4.6

terremoto-sicilia

Paura nella notte in provincia di Catania.

Un terremoto, di magnitudo 4.6 (dato INGV.it), ha causato alcuni crolli e feriti lievi: la scossa è avvenuta alle 2.34 e ha avuto come epicentro Santa Maria di Licodia, comune di 7.600 abitanti. Il terremoto ha avuto una profondità di 9 chilometri ed è stato avvertito anche nelle province di Siracusa, Enna e Messina.

Sono crollati i cornicioni nella chiesa di Santa Maria di Licodia, a Palazzo Ardizzone, ex sede del municipio, e in antiche case rurali.

Comunque, stando ai primi rilievi, non ci sono danni strutturali.

I paesi più interessati dal sisma sono stati Adrano e Biancavilla.

I cittadini sono scesi in strada e alcune aree sono state transennate. Molte famiglie hanno deciso di dormire all’aperto per paura di nuove scosse.

Un altro terremoto, in effetti, è avvenuto alle 2.59, con magnitudo 2.5 ed epicentro Biancavilla.

Antonio Bonanno, sindaco di quest’ultimo comune, ha scritto su Facebook: “La scossa di terremoto avvertita intorno alle 2.30 ha toccato tutti noi. Non facciamoci prendere dal panico“. Il primo cittadino ha anche invitato i cittadini ad evitare di stare presso balconi e abitazioni e di girare in strada con le auto.

In corso tutti i monitoraggi del caso da parte delle forze dell’ordine, dei vigili del fuoco e della Protezione Civile.