Terremoto magnitudo 7.7 nei Caraibi: allarme Tsunami revocato

Il sisma ha colpito al largo della Giamaica.

Un terremoto nei Caraibi di magnitudo 7.7 ha generato un allarme tsunami. Il sisma ha colpito al largo della Giamaica.

L’allarme tsunami per onde alte fino a un metro riguarda Belize, Cuba, Honduras, Messico, Isola Cayman e Giamaica, dove il sisma è stato avvertito in modo molto forte.

L’epicentro è stato localizzato a 10 km di profondità, a 125 km da Lucea. «Sono a rischio tsunami – ha affermato il Pacific tsunami Warning center – le coste entro un raggio di 300 km dall’epicentro».

La forte scossa di terremoto è stata avvertita anche a Miami, in Florida, dove alcuni edifici in centro città sono stati evacuati. Alcuni media locali hanno riferito che all’avvertire della scossa alcuni residenti hanno lasciato subito gli edifici e si sono riversati per strada. A Cuba la gente, presa dalla paura, ha evacuato gli edifici e le abitazioni in diverse città, compresa l’Avana.

Aggiornamento, 22.26: È stato revocato l’allarme tsunami per i Caraibi.

In Europa, invece, c’è stato un terremoto di magnitudo 5.0 in Albania, con magnitudo a Durazzo. Lo ha riferito l’Istituto albanese di geologia.

La scossa si è avvertita distintamente anche nella capitale Tirana e più a sud fino a Valona. Il 26 novembre del 2019 l’Albania è stata colpita da un forte terremoto di magnitudo 6.5. Il bilancio definitivo della tragedia fu di 50 morti e circa 2000 feriti.

Articolo in aggiornamento.