“Ti hanno trovato, ti ho trovato”, le parole del padre di Gioele dopo il ritrovamento (VIDEO)

«Ti hanno trovato, ti ho trovato». Sono le parole spezzate dal dolore di Daniele Mondello mentre sbatte i pugni e accarezza il feretro con i resti del corpicino di Gioele, ritrovato dopo sedici giorni da uno dei volontari che si erano mossi di mattina con lui alla ricerca del piccolo tra le campagne di Caronia.

Un abbraccio e delle parole che fanno eco a quanto il marito di Viviana Parisi ha scritto oggi sui social. «Cinque ore di lavoro di un volontario – continua Daniele – rispetto a 15 giorni di 70 uomini esperti mi fanno sorgere dei dubbi oggettivi sui metodi adottati per le ricerche. La mia non vuole essere una polemica, ma la semplice considerazione di un marito e padre distrutto per la perdita della propria famiglia».

Un epilogo diverso da quello che in tanti speravano fino all’ultimo. Tra tutti, anche il cugino e legale di Daniele, Claudio Mondello: «Persino per ritrovare Gioele la mia famiglia ha dovuto fare affidamento sulle proprie forze: ancora una volta ha dovuto ‘metterci una pezza’. La credibilità dello Stato ne esce fortemente compromessa e non posso che dolermene».

A smorzare già ieri le polemiche, il procuratore capo di Patti, Angelo Vittorio Cavallo: «A me in questo momento non interessa chi lo abbia cercato o trovato, l’importante è averlo trovato. La condizione dei luoghi è difficile e noi abbiamo sempre detto che tutto conduceva a questo posto e abbiamo detto che dovevamo insistere nella ricerca».

LEGGI ANCHE: Viviana Parisi, il cognato su Facebook: “Perché si è arrampicata su quel traliccio?”