Tiberio Timperi accusato di diffamazione dall’ex moglie

Quello di quest’anno non sarà un Natale sereno per Tiberio Timperi. Il giornalista, infatti, rischia una multa di mille euro a causa di una accusa di diffamazione nei confronti della ex moglie Orsola Gazzaniga, e il Tribunale si pronuncerà soltanto a fine gennaio.

I fatti risalgono al 2010 quando il noto conduttore tv scrisse una lettera-sfogo per una rivista per denunciare le difficoltà che deve affrontare un padre separato per stare con il figlio quando l’ex moglie fa di tutto per ostacolare il rapporto.

Io non posso vedere liberamente mio figlio – aveva scritto – nonostante questo sia esplicitamente previsto nel provvedimento del tribunale (…). Non riesco a parlarci per telefono. La madre non risponde ai carabinieri né ai miei telegrammi: anche il suo avvocato non risponde ai fax del mio. Questo si chiama sottrazione di minore, minore che può essere manipolato da una madre malevola“.

E si era lamentato di quanto fosse facile per la ex mettergli i bastoni fra le ruote: “Le madri possono facilmente ostacolare il rapporto con il padre. Basta un certificato medico o non rispondere al telefono”.

Da quel momento si sono susseguite denunce, parole al vetriolo e udienze in tribunale che, a quanto pare non sono ancora terminate. Un calvario che, secondo il giornalista, non è colpa soltanto dell’ex, ma anche del sistema italiano.

Noi padri separati chiediamo giustizia. Sono un bravo papà, mi hanno tratto come fossi un criminale. La mia colpa? Quella di essere un affidatario in seconda, in un paese matriarcale dove la legge continua a essere più uguale per le mamme“.