Topinambur: i principali benefici per la salute

Ottima fonte di fibre, è versatile in cucina e ricco anche di vitamine preziose.

Il topinambur, classificato botanicamente come la radice dell’Helianthus tuberosus, è un alimento caratterizzato da numerosi benefici. Scopriamoli assieme.

Topinambur: perché fa bene

Quando si parla dei benefici del topinambur, è innanzitutto necessario focalizzarsi sulla presenza di fibre. Per dare qualche numero, ricordiamo che in un etto ne troviamo circa 1,6 grammi. Questi nutrienti, come ben si sa, sono importantissimi per la salute. Aiutano infatti a mantenere attivo l’intestino, con ovvi vantaggi anche per il peso.

Come evidenziato dagli esperti del gruppo Humanitas, nel caso del topinambur è necessario parlare della presenza di inulina, una fibra solubile cruciale per la salute. Come mai? Perché aiuta a tenere sotto controllo l’assorbimento di grassi e zuccheri, con vantaggi concreti relativi alla prevenzione del diabete e dell’ipercolesterolemia (quest’ultima, è uno dei fattori di rischio più rilevanti per la salure cardiovascolare).

LEGGI ANCHE: Spaghetti ai ricci di mare: la ricetta completa di questo straordinario primo piatto

Degno di nota quando si parla dei benefici del topinambur è anche il contenuto di sostanze antiossidanti. Entrando nel dettaglio, troviamo in particolare la vitamina A, la vitamina C e la vitamina E. Utili nella lotta contro i radicali liberi sono anche due minerali, ossia il selenio e il manganese.

Il topinambur è anche una fonte di vitamine del gruppo B, in particolare tiamina e niacina, favorevoli all’efficienza del metabolismo. Un doveroso cenno deve essere poi dedicato al contenuto di folati, la cui assunzione è consigliata sia durante la gravidanza, sia quando si cerca un figlio.

Meno ricco di amido rispetto alla patata, non presenta particolari controindicazioni. L’unica raccomandazione è di evitare di consumarlo in quantità eccessive.

LEGGI ANCHE: Vitamina C contro il Coronavirus: la cura degli ospedali di New York