Torna l’incubo nelle RSA, scoperto focolaio di Covid-19 a Milano

Sono risultati al tampone 20 ospiti e un operatore sanitario. I dettagli.

Torna la paura nelle residenze per anziani a causa del coronavirus. Alla RSA Quarenghi, periferia Nord Ovest di Milano, sono risultati positivi al tampone 21 ospiti e un operatore sanitario.

Lo ha riportato il quotidiano Il Giorno, spiegando, però, che solo uno dei contagiati presenta sintomi. Proprio a causa dei sintomi a questa persona è stato fatto il tampone, risultato positivo.

Immediatamente è stato eseguito a tutti gli utenti della struttura (oltre 120) e al personale ed è così che si è scoperto il focolaio. Dei 21 positivi la metà sono già stati ricoverati in ospedale in reparti Covid, gli altri dieci sono isolati in attesa di un posto, mentre l’operatore è stato messo a riposo.

«La situazione – assicurano da Coopselios, che gestisce la struttura – è gestita e monitorata quotidianamente dal personale sanitario e socio-assistenzale dell’ente gestore nel rispetto delle procedure e dei protocolli in essere».

Photo by SJ Objio on Unsplash

LEGGI ANCHE: Coronavirus, niente affitto all’infermiera che cura i contagiati

Inoltre, un pensionato di Alba (Cuneo) di 79 anni è morto dopo il ricovero all’ospedale di Verduno: era una delle 12 persone risultate positive al Coronavirus dopo un soggiorno a Roccasparvera, un piccolo paese della valle Stura in provincia di Cuneo.

Il Centro operativo intercomunale della Valle Stura ha confermato il decesso in una nota, spiegando che in valle ci sono per adesso 11 positivi: 2 a Demonte (il parroco del paese don Fabrizio Della Bella e un animatore dell’Estate Ragazzi, entrambi in buona salute e in isolamento fiduciario) e gli altri a Roccasparvera, appartenenti a tre diverse famiglie che si sono contagiate probabilmente in alcune cene insieme.

Di questi, una famiglia già rientrata ad Alba (tra cui il pensionato morto ieri) e una in Francia (già rientrata nel paese di residenza, vicino a Marisiglia). Sono stati effettuati decine di tamponi nella valle a cura dell’Asl Cn1 con i contatti dei positivi. L’unione montana ha invitato turisti e residenti a tenere la mascherina anche all’aperto e a «comportamenti responsabili».

LEGGI ANCHE: Covid-19 in Italia, casi raddoppiati in una settimana.