Trading online: perché lavorare sulla psiche può essere importante

Gli investimenti finanziari, oggi, possono essere fatti comodamente a casa utilizzando un computer: è questa l’opportunità che viene offerta dal Trading online.

Facendo riferimento a delle apposite piattaforme, le quali operano a tutti gli effetti come broker, si può operare in autonomia, ciò ha reso gli investimenti finanziari un qualcosa che, quantomeno tecnicamente, è alla portata di tutti.

Come iniziare a far Trading

Ovviamente, per poter operare con successo e per non commettere operazioni irresponsabili è fondamentale sviluppare delle solide competenze di base, magari seguendo dei corsi.

Sono molto interessanti anche le consulenze, molti neofiti ad esempio scelgono di fare Trading con segnaliditrading.net, inoltre è sempre consigliato maturare dell’esperienza utilizzando un conto demo, ovvero un conto virtuale utile per acquisire una certa dimestichezza con la piattaforma.

Trading e psicologia: un binomio molto interessante

Parallelamente a questo va sottolineato che molti trader, in particolar modo dei trader professionisti, scelgono di avvalersi delle consulenze di psicologi per poter affrontare al meglio quest’attività che, in determinati casi, può divenire perfino un lavoro.

Ma per quale ragione? Perché la psicologia è così importante in questo settore?

Migliorare la gestione dello stress

Anzitutto, curare al meglio l’aspetto psicologico può essere utile per affrontare al meglio lo stress che quest’attività può comportare.

Il trading non è un’attività definibile come faticosa, d’altronde si può concretizzare in rete con pochi click, ma può comportare un peso emotivo non da poco: d’altronde l’investitore mette a rischio dei capitali personali, ecco perché deve essere in grado di gestire al meglio la pressione psicologica.

Mantenere la massima razionalità

La cura della psiche è fondamentale per il trader professionista anche affinché possa operare sempre in modo puramente razionale, senza lasciarsi condizionare da qualsiasi tipo di emotività.

Molti neofiti, ad esempio, dinanzi ai primi successi si sentono particolarmente entusiasti e si espongono a rischi economici poco consoni, e questo è un errore da non commettere.

Può allo stesso modo capitare che, per la smania di guadagnare, si compiano operazioni troppo rischiose, oppure al contrario ci si può oltremodo sfiduciare dinanzi a un insuccesso: anche un atteggiamento di questo tipo è sbagliato dal momento che tutti i trader, anche i professionisti, incappano di tanto in tanto in delle perdite.

Per il trader, comportamenti di questo tipo non devono mai verificarsi: ogni operazione che si compie deve essere frutto di un’analisi oculata, scevra da qualsiasi forma di emotività.

Evitare il cosiddetto “workaholism”

Il trader professionista tende inevitabilmente a divenire molto preso da quest’attività: monitorare i trend, analizzare gli andamenti di borsa, valutare nuovi investimenti, sono tutte attività che richiedono tempo ed abnegazione.

Alla luce di questo, il rischio è che l’investitore diventi un “workaholic”, neologismo inglese che indica sostanzialmente la dipendenza dal lavoro.

La cura della psiche può essere preziosa per evitare che questo accada: ogni lavoratore deve saper curare la propria sfera relazionale e quant’altro contraddistingue la vita privata, anche perché una approccio di questo tipo consente di affrontare la professione in modo più sereno e più concentrato.

Evitare ogni forma di autoinganno

La psicologia può essere utilissima, per il trader, anche per evitare quello che viene definito “autoinganno”, ovvero sostanzialmente non analizzare quanto compiuto con la dovuta obiettività.

Potrebbe ad esempio accadere che, per puro autoinganno, il trader sovrastimi i propri guadagni e sottostimi le proprie perdite, o anche viceversa, mentre in realtà l’approccio deve essere al 100% oggettivo e neutro.

Allo stesso tempo, l’autoinganno potrebbe portare la persona a considerare i propri insuccessi come della semplice sfortuna: un approccio di questo tipo non è utile per migliorarsi, al contrario il trader in grado di fare autocritica e di migliorare le proprie capacità di analisi ha infinite opportunità di crescita.

Sono davvero tantissimi, dunque, i modi con cui la psicologia può aiutare il delicato lavoro del trader, e tutto lascia immaginare che la figura dello psico…