Turista milanese cacciato da B&B di Palermo dalla proprietaria: “Battute razziste”

La proprietaria della struttura ha raccontato quanto successo su Facebook.

La proprietaria di un Bed&Breakfast di Palermo ha cacciato un turista milanese perché autore di allusioni e battute su una ragazza di colore – nata in Italia ma di origine ghanese – che lavora nella struttura (nella fotografia da Facebook).

Come si legge su Vocecontrocorrente.it, il turista di 70 anni avrebbe anche pronunciato battute sulla ‘superiorità’ degli italiani rispetto ai migranti.

Su Facebook la proprietaria del B&B ha scritto: “Caro ospite ignorante nascere a Palermo per noi è sufficiente per essere italiani e se per te i siciliani non lo sono, stattene serenamente a casa tua. Se pensi che il ‘vero italiano’ sia un essere superiore, noi tutti siamo più italiani di te. Felice di averti, con il sorriso, sbattuto la porta in faccia perché qui è casa mia e non diamo il benvenuto a chi non lo merita. W il mondo a colori“.

La titolare del B&B ha raccontato all’agenzia Gps Comunicazione: “Ho sopportato qualche minuto, poi ho deciso di intervenire: è venuto a casa mia a mancare di rispetto alla mia terra e ai suoi abitanti, tutti, a prescindere dal colore della pelle. Stava oltretutto mancando di rispetto a una ragazza d’oro, che mi tengo stretta“.

Leggi anche: Londra, chiede il parmigiano sul pesce: lo chef italiano glielo nega.

Da SaluteLab: Fa l’agopuntura e torna a casa con un polmone collassato.