Uccide la figlia di 4 anni e si getta in un pozzo ma è sopravvissuto

Il dramma è avvenuto in provincia di Arezzo.

Dramma a Levane, frazione del Comune di Bucine, in provincia di Arezzo, in Toscana.

Un uomo ha ucciso la figlia di 4 anni  e poi ha tentato il suicidio gettandosi in un pozzo.

L’uomo, 39 anni, è originario del Bangladesh. La tragedia è avvenuta stamattina in un’abitazione in via Togliatti. L’uomo è stato soccorso, estratto dal pozzo ed è ancora vivo.

Secondo una prima ricostruzione fatta dai carabinieri, l’uomo, un operaio, in preda ha un raptus, avrebbe ucciso la figlioletta colpendola con un coltello. In casa è stato trovato anche il fratellino più grande, a sua volta ferito ma lievemente.

L’uomo, recuperato dal pozzo dai vigili del fuoco, è stato portato in ospedale, in codice giallo. Così come il fratello 12enne della bambina morta per le ferite alla testa inferte dal padre ma le sue condizioni non sarebbero gravi.

Sul posto sono intervenuti il personale del 118, i carabinieri e i vigili del fuoco, in seguito ad una telefonata con richiesta di aiuto.

Sul luogo della tragedia anche il pm di turno della procura aretina Laura Taddei.

LEGGI ANCHE: Maestra scomparsa a Pietralata trovata morta nel Tevere.