Ucciso per una lite in parcheggio, ci sono stati 4 arresti

Ricostruita la dinamica dell’omicidio, com’è morto Maurizio Cerrato

Quattro persone, ritenute responsabili dell’omicidio del 61enne Maurizio Cerrato, custode del Parco archeologico di Pompei assassinato lunedì sera a Torre Annunziata, sono state fermate e portate in carcere dai Carabinieri del Comando provinciale di Napoli, che hanno eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata.

Il decreto è stato notificato nel corso della notte. Cerrato è stato ucciso in una aggressione scattata dopo una lite per motivi di parcheggio.

Con l’accusa di omicidio volontario in concorso sono finiti nel carcere napoletano di Poggioreale Giorgio Scaramella 51 anni, Domenico Scaramella 51 anni, Antonio Venditto, 26 anni e Antonio Cirillo, 33 anni.

Le attività investigative dei carabinieri della sezione operativa della compagnia di Torre Annunziata (Napoli) sono state rese più difficili dall’assenza di immagini dei sistemi di videosorveglianza della zona. Soprattutto, ricostruire la condotta di chi era presente, di chi ha partecipato e dei ruoli ricoperti da ciascun indagato è stato reso ulteriormente complicato a causa di testimonianze non complete, raccolte in un clima di omertà.

È emerso che uno ha colpito al petto Maurizio Cerrato mentre gli altri lo tenevano fermo. Prima della spedizione punitiva, Cerrato ha avuto una lite con uno degli indagati al quale ha rotto gli occhiali, offrendosi, subito dopo di ricomprarglieli. L’uomo per tutta risposta lo ha colpito con un crick, ferendolo e allontanandosi per poi tornare, poco dopo, con gli altri tre complici per mettere a segno la missione di morte.

Tutto è scaturito perché la figlia del 61enne aveva spostato in strada una sedia, lasciata per ‘occupare’ quel tratto, in modo da poter parcheggiare la sua auto. Un gesto, interpretato come uno sgarro, vendicato con la foratura di un pneumatico: un gesto che ha dato inizio alla catena di eventi conclusa con la morte di Cerrato.

LEGGI ANCHE: Omicidio Willy Monteiro, nessuno sconto di pena per gli accusati.