Un asteroide grande quanto un villaggio minaccia la Terra

Un gigantesco asteroide è in procinto di impattare sulla Terra nel 2135 e potrebbe avere conseguenze catastrofiche se non si progetta un nuovo sistema di difesa dai pericoli provenienti dall’universo.

Il masso spaziale chiamato Bennu ha le dimensioni di un villaggio ed è alto come l’Empire State Building di New York.

C’è una possibilità su 2.700 che potrebbe colpire la terra il 21 settembre 2135 e spazzare via la vita con un impatto 23 volte più grande di un’esplosione di una bomba all’idrogeno.

La tecnologia di oggi potrebbe non essere abbastanza avanzata da fermare la minaccia ma gli scienziati spaziali statunitensi hanno progettato un veicolo spaziale concettuale che potrebbe far esplodere o deviare gli asteroidi in arrivo con una bomba atomica.

La sonda da 8,8 tonnellate Hypervelocity Asteroid Mitigation for Emergency Response (HAMMER) potrebbe dirigere il suo carico in una roccia spaziale e fare detonare un dispositivo nucleare, come riferito da BuzzFeed.

Nel loro studio, gli scienziati hanno usato Bennu come un esempio per scoprire cosa ci vuole per prevenire un impatto.

OSIRIS-REx della NASA è in procinto di incontrare l’asteroide ad agosto e di tornare sulla Terra con campioni nel settembre del 2023.

Gli autori dello studio, pubblicato sulla rivista Acta Astronautica, hanno scritto:

Le due risposte realistiche prese in considerazione sono l’uso di un veicolo spaziale che funziona come un impattatore cinetico o un vettore di esplosivo nucleare per deviare il NEO in avvicinamento (oggetto vicino alla Terra, n.d.r.)”.

Ciò, comunque, dipende dalle dimensioni e dalla massa dell’asteroide e da altri fattori variabili.

Lo studio ha, inoltre, osservato che l’impatto cinetico è l’approccio preferito ma se c’è poco tempo per evitare il disastro, allora un’esplosione nucleare potrebbe essere l’unica opzione.

Il fisico David Dearborn, del Lawrence Livermore National Laboratory in California, ha dichiarato:

“Se l’asteroide è abbastanza piccolo e lo rileviamo abbastanza presto, possiamo affrontarlo con l’impattatore. L’impattatore non è flessibile come l’opzione nucleare da prendere in considerazione quando vogliamo davvero cambiare la velocità del corpo celeste in fretta”.

Non c’è, comunque, alcuna garanzia che la sonda spaziale – che potrebbe costare centinaia di milioni di euro – o un’alternativa possa mai essere costruita per proteggere la Terra da Bennu o da altri oggetti spaziali.

[button-red url=”https://www.mirror.co.uk/news/world-news/doomsday-asteroid-could-devastate-earth-12198640?ICID=FB_mirror_main” target=”_blank” position=”center”]La notizia sul Mirror[/button-red]