Un tuffo in piscina fatale: bimbo di sette anni muore a Brescia

La tragedia si è consumata sotto gli occhi dei familiari, distrutti dall’improvvisa scomparsa del piccolo.

Una giornata di relax, un momento di tranquillità che si trasforma in tragedia. È quanto accaduto a Brescia, dove un bambino di appena sette anni è morto dopo un tuffo in piscina fatale. Il fatto si è verificato sotto gli occhi della famiglia, distrutta dalla morte del piccolo. Un dolore difficile da spiegare per i genitori e il fratello maggiore della giovane vittima, affranti dall’assurdo epilogo di quella che doveva essere una domenica spensierata.

La tragedia è accaduta poco dopo le 16 alla piscina comunale di Brescia: il bambino si è tuffato in acqua e immediatamente ha accusato un malore. Da lì a poco il piccolo è finito sott’acqua, gettando nello sconforto i familiari e mettendo in apprensione le altre persone presenti all’interno della struttura balneare, che hanno assistito attonite all’evoluzione dei fatti.

Brescia
Brescia dall’alto

LEGGI ANCHE: Lascia un messaggio alla moglie e si uccide con il gas insieme alla figlia disabile

Secondo quanto riportato da alcuni testimoni, i bagnini sono intervenuti prontamente, tirando fuori dall’acqua il piccolo e tentando in ogni modo di rianimarlo senza perdere neanche un attimo di tempo. Il bambino, incosciente, non ha tuttavia risposto ai tentativi di primo soccorso portati avanti.

Per salvare la vita al bimbo, sarebbe stato fatto davvero il possibile, si sono rivelati inutili i tentativi col massaggio cardiaco, con la respirazione bocca a bocca e a nulla è valso anche l’uso del defibrillatore. Un tuffo in piscina fatale, purtroppo.

Poco dopo il trasferimento agli Spedali civili di Brescia, dove il piccolo è giunto senza vita come confermato dai medici del pronto soccorso pediatrico. Una morte che appare inspiegabile, oltre che difficile da accettare per i familiari considerata la giovane età della vittima.

Sul luogo della tragedia sono giunti gli uomini della polizia e il sostituto procuratore di turno, Gianluca Grippo. La procura di Brescia ha aperto un’inchiesta per accertare le cause del decesso e comprendere se la morte del bambino di appena sette anni poteva essere evitata in qualche modo.

LEGGI ANCHE: Bassetti: “Positivi al coronavirus sono portatori sani, non malati”