USA, 19enne uccisa da 49 coltellate per una discussione su cosa mangiare a colazione

Il litigio sulla colazione, però, sarebbe stata soltanto la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

La colazione è stata fatale per Jamie Barsegian, 19enne del Michigan (USA) uccisa da ben 49 coltellate per un motivo veramente assurdo.

I fatti risalgono al giugno del 2018, ma la vicenda è stata resa nota soltanto ora perché adesso l’assassino reo confesso è stato formalmente accusato di omicidio volontario e dovrà presentarsi in tribunale per il processo il prossimo 7 ottobre.

L’omicida è Tywaun Sims-Scott, anch’egli 19enne e amico della ragazza. I due, con il fidanzato di lei, dividevano lo stesso appartamento a Ypsilanti, nel Michigan. Secondo quanto riportato dal ‘Daily Mail’ (e confessato dallo stesso Tywaun), la mattina dell’omicidio i due erano soli nell’appartamento.

Hanno iniziato a chiacchierare, ma la conversazione ha ben presto preso toni alquanto accesi: in passato il ragazzo aveva abbandonato l’appartamento a causa di dissapori con Jamie, salvo poi ritornare. A quanto pare quelle vecchie incomprensioni sono ritornate a galla scaldando gli animi.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso, però, sarebbe stata la colazione: i due hanno iniziato a discutere anche su cosa mangiare. A quel punto il ragazzo esasperato ha brandito un coltello e ha ucciso la ragazza. Poi ha chiamato la polizia e si è fatto trovare dagli agenti in strada, ricoperto di sangue, con due coltelli in mano mentre incitava i poliziotti ad ammazzarlo.

Alla fine gli agenti sono riusciti ad ammanettarlo.

Leggi anche: Amadeus: “Sono daltonico”.

Da SaluteLab: Gli antidepressivi fanno male alla salute? Cosa dice uno studio.