Bambino di 6 settimane muore di Coronavirus negli Stati Uniti

A confermarlo Ned Lamont, governatore del Connecticut.

manina neonato
manina neonato

Si tratta della prima morte pediatrica dello Stato del Connecticut, negli Usa. Un bambino di 6 settimane non ce l’ha fatta a causa delle complicazioni dovute al Covid-19. «Questo è un virus che attacca il nostro più fragile senza pietà»: ha postato su Twitter Ned Lamont ieri, primo aprile.

«Ciò sottolinea anche l’importanza di rimanere a casa e limitare l’esposizione ad altre persone. La tua vita e la vita degli altri potrebbero letteralmente dipendere da questo. Le nostre preghiere vanno alla famiglia»: ha aggiunto.

ned lamont
Ned Lamont, il governatore dello Stato del Connecticut

LEGGI ANCHE: Hong Kong abbassa la guardia: nuovi casi di Coronavirus

Il tampone ha confermato che si tratta di Coronavirus. Il bambino di 6 settimane è una delle vittime più giovani di questa pandemia. Il neonato, originario della zona di Hartford , è stato portato in ospedale la scorsa settimana. È arrivato privo di vita e, nonostante abbiano fatto tutto quello che era in loro potere, i medici non sono riusciti a rianimarlo.

Continua, quindi, a chiedere la collaborazione di tutti il governatore del Connecticut. Spiegando che è l’unico modo per frenare la diffusione del Covid-19. «Questo è un virus che attacca senza pietà, rendendoci fragili»: ha scritto.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, adolescente muore negli Usa perché senza assicurazione sanitaria

Anche il sindaco di Hartford, Luke Bronin, ha confermato la notizia. Ha aggiunto che altre quattro persone della comunità sono morte mercoledì scorso a causa del Coronavirus. «I nostri cuori sono spezzati, il nostro pensiero va alla famiglia del piccolo»: ha dichiarato.

Il numero di casi nello Stato del Connecticut, è salito a oltre 3.500. Di questi, 85 sono deceduti a causa del Covid-19. Dati significativi e ancora troppo alti. Una notizia, quella del bambino di 6 settimane, che arriva dopo il decesso di un adolescente in California a causa della mancanza di copertura assicurativa sanitaria.