Vaccini, da lunedì 10 marzo a scuola solo con il certificato. I presidi: “Applicheremo la legge”

Vaccini, da lunedì 10 marzo a scuola solo con il certificato. I presidi: "Applicheremo la legge"

Da domani, lunedì 10 marzo, i genitori che non hanno presentato alle scuole la certificazione originale sulle vaccinazioni dei figli vanno incontro alle sanzioni previste dalla legge Lorenzin, che arrivano fino all’esclusione da scuola per i nidi e quelle dell’infanzia.

Nel frattempo è allo studio un nuovo provvedimento, che prevederebbe il cosiddetto ‘obbligo flessibile’. I presidi avvertono che negli asili non potranno più entrare bambini senza certificato.

L’Associazione Nazionale Presidi (ANP), infatti, ha affermato che “lunedì prossimo (domani, n.d.r.) per chi non si presenterà a scuola con il certificato richiesto, applicheremo semplicemente la legge“. Ciò si traduce nel fatto che “negli asili, i bambini sprovvisti di certificato non potranno entrare. Nelle altre scuole, invece, in questi casi è prevista solo una sanzione pecuniaria, e gli alunni potranno entrare lo stesso“.

Secondo l’associazione dei presidi il problema “è soprattutto nella scuola primaria, dove i non vaccinati potrebbero restare a contatto con gli immunodepressi, i quali non sono tutelati da questo tipo di previsione normativa“.

Intanto, il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha affermato che “l’intento comune è di superare il decreto Lorenzin sui vaccini obbligatori, una legge che noi riteniamo abbia alcune importanti lacune“.

Così il ministro ha risposto alla lettera con cui il vicepremier Matteo Salvini ha chiesto un decreto legge per consentire la permanenza scolastica ai bambini non vaccinati delle scuole d’infanzia fino a 6 anni. “Sarà il Parlamento a superare quella legge“, ha aggiunto la Grillo.