Vaccino anti Covid-19: i risultati della sperimentazione sui maiali

Sembra che due dosi siano efficaci e diano speranze concrete.

Cura coronavirus

I risultati della sperimentazione sui maiali del vaccino anti-Covid danno speranza circa la sua efficacia. AstraZeneca ha infatti scoperto che la somministrazione di due dosi produce una risposta immunitaria più efficace rispetto a quella singola. Uno studio, pubblicato dal Pirbright Institute, che lascia intendere che siamo sulla strada giusta. Ancora alcuni step devono essere completati, ma intanto gli scienziati si dicono ottimisti.

«I ricercatori hanno visto un marcato aumento degli anticorpi neutralizzanti, che si legano al virus in modo da bloccare l’infezione»: ha spiegato il team responsabile della ricerca in una nota. Ha aggiunto, però, che non è ancora noto quale sia la dose efficace per proteggere gli esseri umani.

Il vaccino ChAdOx1 nCoV-19, noto anche con il nome di AZD1222, è stato originariamente sviluppato dagli scienziati dell’Università di Oxford, che ora stanno lavorando con AstraZeneca per lo sviluppo e la produzione.

LEGGI ANCHE: Litiga con la madre e tossisce sul bambino di un anno per ripicca (VIDEO)

I risultati della sperimentazione sui maiali sono promettenti e i ricercatori sperano di avere dati più completi entro la fine di quest’anno. Quelli rilevati sulla somministrazione di una dose su sei scimmie hanno rivelato una produzione degli anticorpi pari a 14 giorni, la protezione arriva entro 28 giorni.

Più di 100 potenziali vaccini sono stati sviluppati in tutto il mondo per cercare di fermare la diffusione della pandemia da Coronavirus, che ha già ucciso centinaia di migliaia di persone.
Stephen Griffin, professore associato presso la Leeds University che non è stato direttamente coinvolto in questo lavoro, ha affermato che si tratta di «un progresso incoraggiante».

Ha altresì sottolineato che ancora il vaccino va testato sull’uomo, prima che si possa parlare di produzione e diffusione su larga scala. Un ulteriore passo avanti che, però, non deve farci abbassare la guardia, soprattutto in vista di un’incognita come l’autunno.

LEGGI ANCHE: Covid-19, il vaccino potrebbe non funzionare con gli anziani fragili.