Vaccino anti Covid-19: Moderna avvia la fase finale di sperimentazione a luglio

La società biotecnologica statunitense ha anche iniziato uno studio su 10 mila volontari.

Moderna sede

Il vaccino anti-Covid di Moderna potrebbe arrivare presto, tutto dipende dall’andamento della fase finale della sperimentazione, il cui avvio pare essere previsto per luglio. Si tratta del terzo e l’ultimo step, quello che vedrà coinvolti 30 mila volontari. L’annuncio è arrivato due giorni fa, l’11 giugno.

Verranno studiati gli effetti su soggetti sani, prendendo in esame un campione su larga scala. La speranza è che possa prevenire l’infezione da Coronavirus. Gli esperti, infatti, sono convinti che una seconda ondata arriverà in autunno, con l’abbassamento delle temperature.

Vaccino anti-Covid Moderna

LEGGI ANCHE: Nuovo focolaio di Covid-19 in Cina: lockdown in alcuni quartieri di Pechino

La fase finale della sperimentazione del vaccino anti-Covid di Moderna ha ricevuto il nullaosta della Food and Drug Administration (FDA) e verrà portato avanti con la collaborazione del National Institutes for Health (NIH) degli Stati Uniti.

Leader mondiale, la società biotecnologica americana ha sviluppato il vaccino insieme all’Università di Oxford e AstraZeneca, un’azienda farmaceutica. Inizialmente lo studio ha coinvolto 10 mila volontari. L’intenzione è di arrivare a dei risultati certi entro settembre.

Moderna ha ricevuto finanziamenti governativi per 483 milioni di dollari. I suoi primi dati li ha divulgati il 18 maggio, su un campione di otto partecipanti. Da qui è nata la ricerca così come la conosciamo oggi.

LEGGI ANCHE: Studio sulle mascherine anti Covid-19: ecco perché sono importanti

Se la dose di 100 microgrammi, scelta per la fase finale, si rivela efficace, la società prevede di produrre 500 milioni di dosi all’anno, arrivando forse anche al miliardo. Moderna è una delle cinque realtà su cui ha puntato il presidente Donald Trump.

Le altre eccellenze coinvolte sono: Johnson & Johnson, Merck, Pfizer e l’Università di Oxford. L’obiettivo è produrre 300 milioni di dosi entro gennaio 2021. Moderna si sta basando sulla struttura genetica di una porzione del virus, così da arrivare a ottenere una risposta immunitaria.

LEGGI ANCHE: Covid-19, quanti morti ha evitato il lockdown in Europa?