Valerio Scanu: “C’è una loggia massonica contro di me”

L’artista ha allertato i suoi fan circa l’esistenza di pagine (false) che a suo nome chiedono soldi.

Una loggia massonica. È quella che spilla soldi agli internauti a nome di Valerio Scanu. Il noto artista, infatti, ha deciso di usare il proprio profilo instagram per mettere in guardia i suoi fan dalle diverse pagine farlocche che sfruttano il suo nome per chiedere denaro ai suoi followers.

Ecco il messaggio d’allerta lanciato dal cantante.

Ciao a tutti, sono appena venuto a conoscenza di un gruppo segreto su Facebook capitanato da persone che credono di rappresentarmi. Ebbene, all’interno di quella che sembra più una loggia massonica che un fandom mirato a sostenere il mio percorso artistico, è emersa la presenza di approfittatori seriali che, agendo in modo del tutto illegale e per fini privati il più delle volte, persuadevano alcuni miei sostenitori ad elargire cospicue somme di denaro. Questo modus operandi che, a tutti gli effetti, può considerarsi un reato corrispondente al titolo di ‘Circonvenzione di incapace’, dura da anni. Visto e considerato che il sottoscritto, Valerio Scanu, si autoproduce da sette anni investendo tutto quello che aveva per continuare a vivere di musica, non posso e non voglio per alcun motivo che questa situazione oltraggiosa si protragga oltre”.

Invito, perciò, tutti coloro che hanno supportato e supportano ancora oggi la mia carriera – ha concluso Scanu – di dissociarsene immediatamente. Agli amministratori di questi gruppi, invece, dico che non si deve mai commettere l’errore di sentirsi al di sopra delle leggi. La verità viene sempre a galla e un leader intelligente, tutto ciò, sa metterlo in conto. Se il leader è solo un personaggio che si approfitta di gente di buon cuore, il risultato è quello di uno str**** che, il cuore, lo ha perso per strada. Vi aspetto in tribunale, qualora vogliate querelarmi. Buona serata”.

Leggi anche: Pamela Prati: “Netflix e Sky vogliono un film su di me”.

Da SaluteLab: “Scegliere il genere sessuale del nascituro: un nuovo metodo può renderlo possibile”.