Variante indiana, Crisanti: “Se è in Veneto allora è già diffusa”

Il pensiero del virologo.

Andrea Crisanti, microbiologo
Andrea Crisanti, microbiologo

«Se la variante indiana di Sars-CoV-2 è stata trovata in Veneto, vuol dire che è già ampiamente diffusa anche altrove. Perché il nostro Paese ha una bassissima capacità di sorveglianza, non ha la sensibilità necessaria per intercettare tempestivamente» i mutanti.

Così Andrea Crisanti, virologo, ad Adnkronos Salute, dopo che il governatore del Veneto Luca Zaia ha annunciato i primi due casi di variante indiana, padre e figlia di ritorno dall’India, confermati sul territorio regionale, all’Ulss Pedemontana di Bassano, e altri due casi in valutazione in attesa di conferma.

Crisanti ha aggiunto: «Ed io sono mesi che dico che bisogna creare un sistema di sorveglianza adeguato in Italia, che ancora non c’è. Il problema è che – tutte queste nuove varianti rappresentano una minaccia sia alle riaperture, per le quali è già un problema la variante inglese, ma sono una minaccia anche al programma di vaccinazione. Vanno monitorate e noi ancora non abbiamo la capacità per farlo».

LEGGI ANCHE: Covid-19, quali vaccini scegliere per contrastare le varianti?