Verona, percorre l’autostrada del Brennero ad alta velocità e contromano. Ecco perché

Polizia

Una delusione d’amore gli ha fatto perdere la testa. Un tedesco di 28 anni, sparito da tre giorni dalla sua casa di Monaco di Baviera, la sera di giovedì scorso, ha percorso l’autostrada del Brennero (la A22) per 40 chilometri in contromano e ad alta velocità.

Gli agenti della Polstrada sono riusciti a fermarlo, tra il casello di Nogarole Rocca fino quasi all’altezza di Affi scongiurando uno scontro frontale con altre auto che sopraggiungevano dall’opposta direzione. Poteva essere una strage.

Se ne sono resi conto gli automobilisti che verso le 20 percorrevano la A22 in direzione sud. Nel buio della sera che stava calando, hanno visto dei fari che gli andavano contro. E su quella autostrada che ha solo due corsie, è iniziata la caccia all’automobilista, con i veicoli che cercavano – fortunatamente riuscendoci – di evitare quell’auto contromano, lanciata a 160 chilometri orari.

In pochi minuti la centrale operativa del 113 è stato sommersa dalle chiamate e la sala operativa ha girato l’informazione alla sottosezione della polizia stradale di Verona Sud.

L’intervento tempestivo degli agenti ha evitato poliziotti il peggio. Sono riusciti a ricostruire la sua storia. Da tempo in cura per gravi problemi psichiatrici, era sparito da casa dopo una delusione d’amore. Trasportato in ospedale a Borgo Roma – dove ha anche aggredito i sanitari del pronto soccorso – si è calmato solo dopo l’intervento della polizia e l’arrivo dalla Germania dei genitori.