Virus dalla Cina: gli aggiornamenti e come proteggersi

Il coronavirus, che si è diffuso a partire dalla città di Wuhan, ha già fatto sei vittime e sta avendo impatto anche sulle Borse

virus cina

Il coronavirus cinese, geneticamente molto simile alla Sars, sta destando sempre più preoccupazione. Se vuoi scoprire gli ultimi aggiornamenti sull’emergenza sanitaria, seguici nelle prossime righe.

virus cina

Virus dalla Cina: altre due vittime

Nella giornata del 21 gennaio, è arrivata l’ufficialità, da parte delle autorità cinesi, del decesso di nuovi pazienti. Complessivamente, si parla di sei vittime. Secondo le rivelazioni delle autorità di Pechino, sarebbero complessivamente 77 le persone contagiate da 2019-nCoV, il virus che, molto probabilmente, ha iniziato a propagarsi a partire da un mercato della città di Wuhan.

Gli effetti sui mercati

Il virus dalla Cina sta provocando effetti non solo a livello sanitario. L’emergenza in questione sta avendo impatto anche sui mercati. La paura del contagio – e gli occhi puntati sul vicinissimo capodanno cinese, periodo all’insegna dei viaggi nazionali e non solo per gli abitanti del Paese orientale – ha infatti portato le borse asiatiche a chiudere con il segno meno.

Il trend in questione ha toccato anche le piazze del Vecchio Continente, con Wall Street che ha chiuso la sessione con lo 0,8%.

LEGGI ANCHE: 6 cause comuni del muco eccessivo in gola.

L’aumento del livello di rischio

Quando si parla degli ultimi aggiornamenti sul virus dalla Cina è fondamentale ricordare che, nella giornata del 21 gennaio, è stata ufficializzato dagli esperti dell’European Center for Disease Prevention and Control l’aumento del livello di rischio.

Sul sito ufficiale dell’Agenzia dell’Unione Europea, è possibile infatti leggere il riferimento a un rischio moderato. Il motivo è legato all’alta probabilità di contagio dei viaggiatori in visita a Wuhan, ma anche alla non lieve percentuale di possibilità che il virus, a seguito dei già ricordati viaggi in occasione del capodanno cinese, arrivi anche in Europa.

Gli esperti dell’Ecdc, nel loro aggiornamento del 21 gennaio hanno fatto presente che, in territorio UE, esistono tre scali aeroportuali con collegamenti diretti per Wuhan. Diversi altri hub, invece, permettono di raggiungere la città cinese tramite collegamenti indiretti.

I consigli dell’ambasciata italiana a Pechino

In merito al virus dalla Cina che, propagandosi sotto forma di polmonite virale, sta preoccupando il mondo, è importante citare le raccomandazione dell’ambasciata italiana a Pechino. Gli esperti consigliano i nostri connazionali che hanno in progetto di recarsi nel Paese orientale di fare riferimento ai seguenti link:

I cittadini italiani che hanno in agenda un viaggio in Cina sono stati inoltre invitati, sulla base degli aggiornamenti del 21 gennaio mattina, anche a evitare il contatto con persone e animali affetti da affezioni respiratorie. Risulta inoltre più sicuro non frequentare aree adibite a mercato.

Concludiamo ricordando che si parla già del primo caso sospetto in USA, per la precisione nello Stato di Washington.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, primo caso registrato negli Usa.