Virus sulle maniglie di un hotel in Trentino: malori per diversi studenti

La vicenda risale allo scorso febbraio.

Risale al febbraio scorso la registrazione di diversi casi di malore tra gli studenti di alcune scuole medie marchigiane – tra cui l’Istituto Federico II di Jesi – che si erano recati in vacanza a Folgarida, una delle località più rinomate per il turismo invernale.

Oggi come oggi, a seguito di un’indagine da parte dell’azienda sanitaria del Trentino, è stato scoperto il motivo. Nell’albergo dove i ragazzi avevano soggiornato, è stata infatti individuata una presenza importante di norovirus sulle maniglie delle porte, sui divani, sulle poltrone e sui tavoli.

LEGGI ANCHE: Cosa succede al nostro corpo se breviamo la camomilla scaduta

Secondo gli esperti che si sono occupati di fare luce su questa situazione, il virus è arrivato quasi sicuramente attraverso uno dei tanti clienti della struttura ricettiva. Tra le sue peculiarità, rientra il fatto di diffondersi in maniera molto rapida. Da non dimenticare è anche la resistenza. Il norovirus, infatti, è in grado di resistere anche a temperature molto alte, attorno ai 60°C.

Un altro aspetto da considerare quando lo si nomina riguarda il fatto che è in grado di resistere ai trattamenti con il cloro. Il norovirus, che si propaga direttamente da persona a persona, è altresì in grado di resistere nell’ambiente fino a 15 giorni.

Tornando al caso degli studenti della scuole medie marchigiane, ricordiamo che, a seguito dei numerosi casi di malore, l’hotel aveva chiuso i battenti per riaprire successivamente. Ora si attende la decisione dei genitori dei giovani in merito alla richiesta di risarcimento per i danni subiti dai ragazzi.

LEGGI ANCHE: Cibo: ecco quali creano dipendenza