Vittorio Sgarbi attacca Vladimir Luxuria: “Siete osceni, tu e Paone”

Duro botta e risposta tra il critico d’arte e l’ex deputata parlamentare.

Botta e risposta tra Vladimir Luxuria e Vittorio Sgarbi su Twitter, dopo che l’ex deputata parlamentare aveva difeso Alessandro Cecchi Paone, ospite ieri sera – domenica 24 novembre – di Non è l’Arena, il programma condotto da Massimo Giletti su La7, dagli attacchi del critico d’arte.

Di osceno c’è il moralismo pietoso di Paone che invoca ‘compostezza’ mostrando libertinaggio di costumi. E di osceno ci sei tu, Vladimiro, che lamenti riservatezza per la tua vita privata dopo averla ostentata in tv e sui giornali. Patetici, entrambi. @vladiluxuria“, ha scritto Sgarbi sul suo profilo social, rispondendo a Luxuria che, poco prima aveva twittato: “Dove sarebbe l’oscenità? Il fatto di indossare una semplice t-shirt e pantaloncini o essere sorridente accanto a un ragazzo? Mi sa che @VittorioSgarbi non sta bene, peggiora ora dopo ora… comunque chiamarlo Pavone è una battuta più da bulletto sfigato che da critico d’arte“.

LEGGI ANCHE: Alessandro Greco e Beatrice Bocci casti per tre anni, ecco perché.

Sgarbi, infatti, aveva criticato Cecchi Paone, postando su Twitter una foto del giornalista in t-shirt e pantaloncini, accanto a un ragazzo, con la frase: “‘Non capisco perché continuano a invitare in tv Sgarbi che dice le parolacce’. Lo ha detto stasera a ‘Non è l’Arena’ Cecchi Pavone. Lui, comunque, non è invitato perché è osceno anche senza dire le parolacce“.

Il post di Sgarbi:

Ieri Alessandro Cecchi Paone, dopo un video con le liti storiche di Sgarbi, ha detto: “Noi siamo stati formati nella Rai di quarant’anni fa, da grandissimi maestri. Neanche una parolaccia esce dalle nostre bocche, perché ce lo hanno insegnato all’epoca“. E ancora: “E allora io vorrei sapere perché uno che dice sempre parolacce debba continuare a essere invitato in tutte le trasmissioni…“.

LEGGI ANCHE: Il 5G è pericoloso per la salute? Ecco come stanno le cose.