Viviana e Gioele, “ancora nessuna certezza sulle cause della morte”

Le parole del medico legale e dell’avvocato della famiglia Mondello.

«Come ho sempre detto, finché non si avranno risultati di tutti gli accertamenti non si può dire alcunché, non c’è altro da dire». Queste le parole del medico legale Elvira Ventura Spagnolo, perito della procura di Patti nell’inchiesta sul giallo di Caronia, a proposito delle ipotesi del decesso di Viviana Parisi e del figlio Gioele Mondello.

Dal canto suo, Pietro Venuti, legale della famiglia Mondello, in merito all’ipotesi che la donna si sia lanciata dal traccio dell’Enel, ha affermato: «Al momento non si può dire nulla, sarebbe opportuno non fare illazioni. Siamo esterrefatti. La nostra consulente di parte, la dottoressa Giuseppina Certo, mi ha ribadito che non è stata fatta alcuna misurazione e né lei, né i i medici legali nominati dalla procura, hanno mai dato per sicura questa tesi in quanto si dovranno fare ulteriori accertamenti».

LEGGI ANCHE: Viviana Parisi, parla il padre: “Non avrebbe mai ucciso Gioele”

L’ipotesi dell’omicidio – suicidio è stata diffusa ieri dal Corriere della Sera: Viviana Parisi, dopo avere ucciso il figlio Gioele, sarebbe salita sul traliccio e si è lanciata da un’altezza di 15 metri.

L’ipotesi è avvalorata dalla «consistenza dei tessuti della donna, che varia con l’impatto». Il cadavere è stato rinvenuto a tre metri dal traliccio. Se fosse scivolata, invece, il corpo della donna si sarebbe dobuto trovare quasi ai piedi del pilone.

LEGGI ANCHE: Viviana Parisi, il magistrato: “Era impaurita”