Viviana e Gioele, parla il magistrato: “Il corpo del bambino non è stato mai spostato”

Le parole del procuratore di Patti Angelo Cavallo.

Angelo Cavallo, procuratore di Patti, che coordina le indagini per le morti di Viviana Parisi e Gioele Mondello, ha affermato: «Il corpo del bimbo non è mai stato spostato. Al limite l’ipotesi è che gli animali siano intervenuti e abbiano operato una dispersione dei resti. Non ho mai parlato di uno spostamento del corpo a opera di chiunque».

«Occorre ancora capire e appurare» come quei resti siano arrivati dal traliccio al luogo in cui sono stati trovati, ha aggiunto Cavallo. Per i magistrati Viviana e Gioele sarebbero morti nello stesso posto.

Daniele Mondello, intanto, è arrivato nella caserma Calipari di Messina, dove c’è anche la sede della polizia scientifica, per un prelievo che consenta l’estrazione del suo Dna per compararlo con quello dei resti umani trovati ieri nelle campagne di Caronia per permetterne il riconoscimento.

Un analogo prelievo, per lo stesso motivo, sarà effettuato anche a uno dei nonni materni di Giole, i genitori di Viviana Parisi. Al papà del bambino saranno anche mostrati alcuni oggetti trovati a Caronia, comprese un paio di scarpette blu che potrebbero essere del figlio.

LEGGI ANCHE: Viviana e Gioele, Daniele Mondello: “Dubbi sui metodi per le ricerche”