Will Smith: “Mio padre mi picchiava, ho ancora le cicatrici”

L’attore ha parlato di questa parentesi dolorosa del suo passato durante la trasmissione Red Table Talk.

Will Smith con la figlia Willow

Will Smith, uno degli attori più amati del panorama mondiale, durante una recente ospitata negli studi di Red Table Talk si è commosso parlando di una ferita del suo passato, forse la più profonda.

Il dolore di Will Smith

Ospite d’onore di Red Table Talk, spazio televisivo che vede alla conduzione sua moglie Jada Pinketts, Will Smith si è aperto su un dettaglio doloroso del suo passato. L’attore di film di successo come quelli della saga di Men in Black ha infatti rivelato di essere cresciuto in una famiglia dove la violenza fisica era concessa.

Il clima che lo ha visto diventare prima giovane e poi adulto lo ha preoccupato fortemente nel momento in cui è diventato padre e ha assunto un ruolo educativo. Come specificato nel corso della puntata di Red Table Talk, nonostante fosse un bambino “educato e gentile” veniva spesso schiaffeggiato e picchiato.

Oggi come oggi, di questo dolorosissimo passato Will Smith porta ancora le cicatrici, sia esteriori, sia interiori. Il celebre attore, che spegnerà 52 candeline il prossimo 25 settembre, ha anche visto quello che nessun bambino dovrebbe mai vedere: il padre che piacchiava la madre.

LEGGI ANCHE: Chi è Eve Hewson, la figlia di Bono degli U2

L’attore, che davanti alla moglie ha parlato anche delle emozioni positive legate alla paternità e in particolare alla nascita del suo primo figlio Willard Carroll III, si è commosso soffermandosi sul desiderio di diventare genitore che lo accompagna fin da quando era piccolo e sulla consapevolezza che, nonostante quanto vissuto, lui non sarebbe mai diventato come il padre, per il quale oggi non prova sentimenti di rancore.

Durante l’ospitata televisiva, l’attore ha parlato anche del divorzio dalla prima moglie Sheere Fletcher, definendolo il suo primo fallimento.

LEGGI ANCHE: Lodo Guenzi: la dolorosa confessione sul bullismo